mercoledì 12 marzo 2014

Relic - L'evoluzione del terrore

Titolo Originale: The Relic
Regia: Peter Hyams
Sceneggiatura: Amy Jones, John Raffo, Rick Jaffa, Amanda Silver basata sul romanzo di Douglas Preston e Lincoln Child
Produttori: Gale Ann Hurd, Sam Mercer
Interpreti: Penelope Ann Miller, Tom Sizemore, Linda Hunt, James Withmore, Thomas Ryan, Robert Lesser, Lewis Van Bergen
Anno: 1996
Nazionalità: USA, Nuova Zelanda, Giappone, Germania, Regno Unito
Durata: 110 min. ca

All'interno del Museo di storia naturale di Chicago iniziano a verificarsi strani e macabri omicidi, i corpi di alcune persone vengono rinvenuti senza testa; l'intrepida biologa evolutiva Margo Green, con l'aiuto del caparbio tenente di polizia Vincent D'Agosta, scopre che il responsabile di questi orrendi delitti è una gigantesca e mostruosa creatura arrivata li dal Brasile.
Sia la biologa che il poliziotto cercheranno di fermare il mostro, ma la sua furia omicida sarà inarrestabile.


Vidi questo film al cinema, da ragazzino e ne rimasi subito ammaliato, a parar mio si tratta di uno dei migliori monster movie di sempre e ovviamente come al solito si tratta di un film snobbato sia dal pubblico che dalla critica.
Ho amato veramente tutto di questo film, dall'angosciante, cupa e claustrofobica ambientazione, al cast (ottimi sia Sizemore che la Miller) dalla regia del sempre bravo Peter Hyams, che cura anche la tetra fotografia, fino al make up della creatura, make up a dir poco spettacolare curato dal compianto Stan Winston.
Quello che più affascina del film è questo totale alone di mistero che avvolge il tutto, inizialmente non si percepisce bene quale sia la minaccia, infatti il film procede per gradi, ma senza mai risultare noioso o stantio e man mano che si procede cresce la curiosità, ma anche l'angoscia.
La prima parte è quasi più un thriller investigativo dal momento che avviene il primo omicidio e subito entrano in scena le figure del detective e della dottoressa, entrambi intenzionati a far luce su questo mistero, ognuno coi propri mezzi, il poliziotto con il suo istinto investigativo e la dottoressa con le risorse della scienza, ma poi si arriva alla seconda parte, gli ultimi 40 minuti circa nei quali succede veramente di tutto e dove finalmente vediamo la creatura in tutta la sua "bellezza" e ferocia.
Il mostro, un gigantesco e zannuto rettile corre, salta e si arrampica in ogni dove per poter sbranare le sue vittime, spettacolare la scena coi marines, e nulla viene lasciato all'immaginazione, il mostro decapita, dilania e divora tutto ciò che gli capita a tiro, gli effetti sono ottimi sia quelli gore che quelli della creatura, l'uso della cg è limitatissimo per fortuna e la creatura è quasi interamente realizzata in stop motion e Hyams è agile sia a non mostrarla praticamente mai per tutta la prima parte del film, sia a mostrarla perfettamente nella seconda, facendola apparire di colpo quando meno te lo aspetti e infatti ricordo che al cinema parecchia gente saltava sulla sedia quando la bestia palesava la sua presenza.
Questa pellicola è tratta da un libro, libro che ho letto e che ho trovato buono, ma il film è migliore e quì so che in molti non saranno d'accordo con me perchè solitamente si preferisce sempre l'opera letteraria a quella cinematografica, ma in questo caso per me non c'è gara, il film di Hyams vince senza dubbio.
Come detto in precedenza la carta vincente del film è l'attesa e qui si nota quanto sia regista che sceneggiatori siano stati bravi, perchè anche se l'orrore esplode dopo molto, non ci si annoia mai, si resta incollati e si aspetta con ansia l'ingresso in scena del mostro e non solo, già perchè il film vanta anche un bel colpo di scena finale, un colpo di scena forse intuibile, ma non per questo meno azzeccato.
A parer mio questo filmone avrebbe meritato molta più attenzione, io ovviamente ne conservo il dvd come una, beh come una reliquia direi.


12 commenti:

  1. Ma sai che mi sembra di averne un pessimo ricordo? Ma l'ho visto 15 anni fa, non ricordo nulla se non l'ambientazione.
    Magari mi confondo con un altro... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recupera recupera, per me è un film immenso, e il mostro è uno dei più tosti e inquietanti di sempre

      Elimina
    2. Addirittura immenso?

      Anche te come me, ci vai leggere con gli aggettivi eh? :)

      Elimina
    3. eh eh gli aggettivi sono importanti, ma credimi questo è un monster movie della madonna, e come al solito è sottovalutato dalla massa.

      Elimina
  2. Uh...Mamma mia, che hai tirato fuori..."filmaccio" favolosamente naif...a suo tempo mi è piaciuto, dovrei rivederlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me è piaciuto a suo tempo e anche ogni volta che me lo risparo in dvd.
      Per me è un cult ;-)

      Elimina
  3. L'avevo visto da piccolo (avrò avuto 6 anni) e mi aveva annoiato, poi però un mio vecchio prof di sceneggiatura mi disse che il romanzo era grandioso e la curiosità è ritornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me il romanzo è buono, il film è grandioso ;-)

      Elimina
  4. Che amarcord!
    Credo di averlo visto solo una volta ma in TV e di sfuggita, comunque mi par di ricordare che ai tempi fosse un cult!
    Magari lo recupero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si è un cult, lo è ancora recuperalo assolutamente ;-)

      Elimina
  5. È deciso, stasera spolvero anche io il mio dvd-reliquia e me lo risparo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande death, fai benissimo sto film è superbo

      Elimina