giovedì 22 agosto 2013

L'Evocazione - The Conjuring

Titolo Originale: The Conjuring
Regia: James Wan
Sceneggiatura: Chad Hayes, Carey Hayes
Produttori: Rob Cowan, Tony DeRosa Grund, Peter Safran
Interpreti: Vera Farmiga, Patrick Wilson, Ron Livingston, Lili Taylor, Shanley Caswell, Joey King
Anno: 2013
Nazionalità: USA
Durata: 112 min. ca

Rhode Island, 1971: la famiglia Perron, composta da marito, moglie e cinque figlie, si stabilisce in una bella e spaziosa casa di campagna, ma proprio mentre i membri della ridente famigliola si stanno iniziando ad ambientare iniziano ad accadere strani fenomeni, fenomeni paranormali assai inquietanti.
Terrorizzati, i Perron decidono di rivolgersi ai coniugi Warren, due noti investigatori del paranormale i quali riveleranno alla famiglia che la loro casa è infestata da una oscura presenza demoniaca intenzionata a tormentarli ed infine ucciderli.
I Perron e i Warren uniranno le loro forze per cercare di sconfiggere questa presenza malvagia, ma non sarà facile.


Ammetto che fino all'ultimo sono stato assai scettico verso questo film, principalmente perchè il filone case infestate/fantasmi/possessioni ecc... non mi ha mai preso più di tanto (tranne rare eccezioni) inoltre sia "Dead Silence" che "Insidious", diretti appunto dal papà di Jigsaw, James Wan, non mi hanno detto granchè, quindi sono andato a vedere questo film non molto convinto e con qualche riserva, ma posso dire che questo "The Conjuring" non è affatto male, anche se trovo che in molti, forse troppi, lo stanno sopravvalutando.
Vediamo di esaminare i pro e i contro di codesta pellicola.
Dalla sua, il film vanta una messa in scena impeccabile, Wan ci sa davvero fare, l'uso della cinepresa, gli effetti sonori, il montaggio coinvolgente, insomma non ci troviamo davanti all'ennesima ghost story idiota e ridicola stile "The Grudge" o "Paranormal Activity", no, fortunatamente in cabina di regia c'è uno che ci sa fare e che conosce il linguaggio cinematografico alla perfezione.
Poi gli attori, gli attori sono veramente tutti molto bravi, in particolare i due investigatori dell'occulto, ovvero la sempre brava Vera Farmiga e il convincente Patrick Wilson (che Wan aveva già usato in "Insidious"), ma anche il resto del cast se la cava bene, ma la cosa più importante è che sebbene si tratti di una ghost story, genere che come ho detto, mi causa sempre più di uno sbadiglio, questa volta il ritmo c'è, la pellicola coinvolge lo spettatore, non lo spaventa, o almeno a me non ha spaventato, ma io non faccio testo, l'horror è la mia vita e i film del suddetto genere mi rilassano, però appunto, questa volta il tempo è volato e Wan è riuscito a mantenere in me l'interesse dalla prima all'ultima scena.
Arriviamo ora ai difetti, perchè questo film ne ha e tocca dirlo dato che molti ne parlano come di un capolavoro dell'horror, ma quale capolavoro....
Il film è veramente la fiera del già visto, i luoghi comuni e i clichè si sprecano: la solita porta che cigola nella notte, la bimbetta stronza che comunica con l'aldilà, la solita storia del fatto di sangue accaduto anni prima, i medium cazzuti che non sbagliano un colpo eccetera, ma la cosa che più mi ha fatto storcere il naso è il finale che è di un buonismo davvero fastidioso e da uno che mi ha fatto uno dei finali più belli e spietati della storia del cinema (quello di "Saw" appunto) proprio non me l'aspettavo, o meglio il lieto fino ci può anche stare, ma veramente Wan doveva giocarsela meglio, il modo in cui sconfiggono l'entità malefica è così scemo e smielato che manco negli spot del mulino bianco si potrebbe vedere.
Quindi che posso dire di questo film, mi è piaciuto? si, merita la visione, senza dubbio, però cerchiamo tutti (soprattutto quei dementi dei fan americani) di darci una ridimensionata perchè veramente non si può sentire parlare di questo film come di un cult, soprattutto perchè come ho detto, il film non offre nulla di nuovo, Wan il suo cult l'ha diretto nel 2004, con "Saw" non solo ha creato l'unica icona horror degna di nota degli anni 2000, ma col primo film ha messo in scena uno dei thriller/horror più belli, coraggiosi e innovativi degli ultimi anni, di certo ci ha regalato quello che tutt'oggi è uno di quei finali epici che può fare da concorrente a finali come quelli di "Seven", "Psycho" e "Scream", mentre con questa "Evocazione" ha messo in scena un film ben fatto, di notevole fattura, ma che a fine visione non è che lasci chissà che cosa.
Concludo dicendo al buon James che aspetto con curiosità il settimo "Fast & Furious" dato che proprio Wan ha dichiarato che non sarà una sboronata fighetto/patinata come i precedenti capitoli, ma un noir truce sulla vendetta carico di violenza e brutalità, quindi molto simile a quello che, a parer mio, è il secondo miglior film di Wan, "Death Sentence" e gli dico anche che coi fantasmi può anche chiudere ha fatto tre film, anzi quattro se si conta l'imminente "Insidious 2" del quale ammetto me ne frega meno di zero, perciò ti prego James, se dopo il settimo "Fast" tornerai all'horror rifammi una cosa come "Saw" e lascia i fantasmi formaggini a riposo.

22 commenti:

  1. Wan è, a mio parere, molto meglio del materiale che si ritrova per le mani, parlo degli ultimi due film. Ma è anche un bel paraculo. Non mi è piaciuto per nulla questo "The Conjuring", un cripto-remake di "Amityville Horror" piuttosto scontato e, per me e probabilmente solo per me, noioso e costruito su quattro salterelli sulla sedia, nonostante l'ottima fotografia e un'atmosfera da horror dei seventies efficace. Almeno nella prima parte. Al pubblico statunitense piace molto questo tipo di film horror accomodante e family oriented. Vabbè, ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si il film in effetti è troppo accomodante per essere un horror e infatti il beota pubblico americano lo sta esaltando manco fosse Shining, nell'imdb ha quasi la media dell'8 mentre tanti altri horror molto più cattivi e più belli di questo arrivano a fatica al 6.
      Detto questo però, quello che cmq mi ha fatto apprezzare il film è appunto il fatto che regia e sceneggiatura son ben calibrate e non annoiano mai, oltre ad una messa in scena ottima, quindi nel complesso lo reputo un film valido, ma di certo non stupendo come molti affermano ;-)

      Elimina
  2. a me è piaciuto, è vero , non è originale ma io l'ho visto come un omaggio deferente e divertito a una stagione dell'horror che , vista con gli occhi di oggi sembra preistoria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, alcune scene erano squisitamente retrò ;-)

      Elimina
  3. a me è piaciuta la tua analisi e se ..appunto ero poco convinta, dopo aver letto la tua recensione farò in modo di vederlo... come al solito prendo e porto da me! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere :-) si prova a vederlo potrebbe piacerti

      Elimina
  4. Martedì andrò a vederlo anch'io, finalmente!
    Premetto che ogni cosa riguardante bambole possedute etc. mi mette addosso una paura incredibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhah allora immagino che non ami particolarmente il mitico Chucky? ;-)

      Cmq questo film è valido, ma non aspettarti il capolavoro che tutti decantano

      Elimina
    2. Lo amo ma lo temo, un po' come Pennywise il clown ballerino ^__*

      Elimina
    3. ahahhahah capito ;-)

      Si IT all'epoca mi fece abbastanza paura

      Elimina
  5. Non sono d'accordo con la tua troppo sbrigativa e liquidativa recensione. Ma ho già detto alcune cose a riguardo nel mio ultimo post, quindi non mi ripeto ulteriormente. Buona domenica :)

    RispondiElimina
  6. beh dai mi sembra di aver esaminato tutto, non mi pare di aver liquidato nulla e cmq il mio giudizio sul film resta positivo seppur non così entusiasta

    RispondiElimina
  7. beh, non mi sembra una rece sbrigativa, tutt'altro...
    comunque sono d'accordo praticamente su tutto.
    Non avevo pensato alla faccenda del finale zuccheroso di un regista che aveva debuttato così cattivo con Saw, hai ragione, ma le leggi di Hollywood sono le leggi di Hollywood...

    Sui clichè ti sei dimenticato la bambola, il carillon, il cane ammazzato, la cantina etc etc...

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie socio, in effetti mi sembra di aver esaminato tutto, non ben inteso cosa volesse dire psiche...

      SI il finale è veramente squallido e appunto se penso a quello STRAORDINARIO di Saw mi sale la pressione dal nervoso.

      SI vero quei clichè li me li sono scordati, è che ce ne son talmente tanti che ho perso il conto.
      La bambola poi era veramente sfigata e x nulla spaventosa.
      Non mi stancherò mai di ripeterlo, esiste solo UNA BAMBOLA e ha i capelli rossi, la maglietta con sopra scritto "good guys" e risponde al nome di CHUCKY ;-) le altre possono anche andare a cagare XD

      Elimina
  8. Certo il finale di Saw è davvero spiazzante e penso irripetibile. Sul finale dunque sono d'accordissimo con te, tuttavia non mi è dispiaciuto, anzi mi ha intrattenuto come pochi horror ultimamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si ma anche a me è piaciuto, mi ha intrattenuto e cosa più importante MAI annoiato, inoltre ha un ottima messa in scena cosa x me importate, però continuo a pensare che in molti lo stian sopravvalutando e lo stian considerando x quello che in realtà non è :-)

      Elimina
  9. Il mio punto di vista lo hai già letto altrove, quindi non mi dilungherò su questo. Concordo con te. Aggiungo solo che forse i difetti di questo film sono i difetti dell'horror "commerciale" in toto: si da al pubblico quello che vuole, spaventi facili, sbalzi di volume. Per lo meno Wan dirige in modo impeccabile (come giustamente ricordi tu) e sguazza nel genere. Non concordo su Saw, per me un filmetto divertente da una sola visione (intuito il meccanismo non trovo più motivo per guardarlo) ma che ha dato al pubblico americano una visione del torture porn patinata e catartica. In altre parole non mi piace quel che ha veicolato in seguito, ma forse lì la colpa è dei sequel, non del capostipite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si concordo sul fatto che oggi si tende troppo a dare lo spavento facile al pubblico, però si Wan gira da dio.

      Non concordo su Saw, per me il primo è un cult, i sequel ok son tutti uguali, ma essendo uno che ama le saghe horror e i villain in questione, li ho visti tutti con piacere e mi ci son divertito non poco, Jigsaw mi piace assai come personaggio

      Elimina
  10. si nonostante le tematiche non siano originali, è senza dubbio un ottimo film, mi è piaciuto, mi ha coinvolta, e non sono tutti i film horror che mi coinvolgono, anzi, la maggiorparte ormai mi fa ridere, questo invece no, mi ha tenuta col fiato sospeto dall'inizio alla fine, il finale - soprattutto quando loraine cerca di ricordare alla madre qual'è la cosa più importante per lei visto che la stava per far secca...fino a questo punto mi è piaciuto, poi vabbè daiiii il film mi è piaciuto troppo, e mi ha entusiasmata moltissimo, si forse è un po' buonista, ma sinceramente ci sta a pennello :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un po MOLTO buonista :-)

      Cmq nel complesso buon film, ma non eccezionale, Wan può fare di meglio

      Elimina
  11. Pensa che stavo per guardarlo, ma purtroppo lo streaming si è bloccato e alla fine ho visto" L'altra faccia del Diavolo"...Probabilmente era meglio questo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'altra faccia del diavolo mi manca, ma si dal trailer sembra orrendo, questo è un film discreto, ma imho sopravvalutato

      Elimina